ZONE DIGITALI
CLUSTER
TALES
Zone Digitali 2022, il primo volume dell’indagine di HACKING HUMANS, si propone come palcoscenico che raggruppa artisti in grado di portare una nuova visione della nostra relazione con la tecnologia: non opprimente, ma accogliente ed in grado di generare meraviglia e stupore. Un’occasione in cui domandarsi non tanto se le tecnologie siano o debbano essere più “umane”, ma interrogandosi sulla loro capacità di creare legami e partecipazione.
Col 2022 Zone Digitali avvia un ambizioso progetto biennale collegando l’edizione di quest’anno e la successiva del 2023 (anno di Bergamo e Brescia Capitale Italiana della Cultura) sotto il titolo “HACKING HUMANS”: due edizioni connesse tra loro che pongono l’attenzione sugli esseri umani sia come singoli individui che come collettività e cercando un rinnovato equilibrio tra umanità e tecnologie. In questo tempo così sbagliato, di continui equilibri che si rompono, Zone Digitali HACKING HUMANS riparte dall’umanità per costruire nuove armonie e conciliazioni.

IL TEMA: HACKING HUMANS

Dalla realtà ibrida in cui oggi siamo immersi, in uno spazio in bilico tra più realtà, si fa sempre più necessaria la ricerca di nuovo equilibrio tra uomo e tecnologia. Un sottile equilibrio tra le relazioni. La tecnologia, digitale e virtuale, ridefinisce costantemente la percezione non solo della realtà ma anche di noi stessi. È capace, oggi, di rimodulare quello che siamo, “l’altro” e di ridefinire il senso di collettività e comunità. Ci domandiamo non tanto se le tecnologie siano o debbano essere più “umane”, ma ci interroghiamo sulla loro capacità di creare legami, ricordandoci che nella relazione con ogni dispositivo tecnologico c’è sempre e comunque l’uomo che deve nuovamente mettersi in discussione. In questa ricerca, l’arte si fa sempre più necessaria come metodo di esplorazione. È capace di portarci su strade inedite, confondendosi con la realtà e con le sue contraddizioni più profonde. Un’arte che sia in grado di portarci fuori dagli schemi ma che entri nella vita di tutti sollecitando il pensiero in modi inaspettati, parlandoci di ciò che amiamo e di ciò che temiamo di più. Un’arte che crei un campo d’azione dove facilitare uno scambio intrinsecamente empatico.
In questo tempo così sbagliato, di continui equilibri che si rompono, abbiamo bisogno di ripartire sia come individui, sia come partecipanti a una collettività portatrice di complessi sistemi di relazioni, ridefinendo l’approccio con le tecnologie capaci di generare un nuovo e ritrovato equilibrio.

IL PROGRAMMA

DAY 1 - VENERDÌ 30 SETTEMBRE
“DRUMMOPHONE”
RICCARDO LA FORESTA
Installation + performance | H22.00 SPAZIO EVENTI
Riccardo La Foresta, sound artist che dopo essersi esibito in numerosi festival d'avanguardia tra cui Unsound, Terraforma, Sonica, LOST, NODE festival e molti altri, arriva a Bergamo con “Drummophone”, progetto installativo e performativo ai confini tra arte sonora, improvvisazione e drone music che rivela risonanze e vibrazioni generando architetture invisibili tramite il suono.
Ingresso a pagamento*
“AMNESIA”
CRISTIAN RIZZUTI in collaborazione con JULIÁN ÁLVAREZ
Installation + performance | H23.00 SPAZIO EVENTI
Nella sala eventi dell’ex centrale prenderà posto “Amnesia”, un’installazione immersiva dell’interactive media artist Cristian Rizzuti concepita come pittura performativa realizzata in collaborazione con il compositore Julián Álvarez. Rizzuti, dopo aver esposto in diverse parti d'Europa tra cui ZKM di Karlsruhe, il Museo MAXXI di Roma e la Biennale di Venezia, porta a Zone Digitali un’esperienza percettiva fatta di luci, laser, suoni e spazi sintetici che compongono un ritratto che parla di memoria e della vita di ognuno di noi.
Ingresso a pagamento*
MUM?
MiDi MOTORI DIGITALI (da un’idea di VALENTINA LORENZI)
Installation | LOGGIA PORTICATA
Nella stessa sera e fino al giorno seguente, nella loggia porticata degli spazi esterni di Daste, sarà visibile “mum?” una nuova installazione audio/video di MiDi Motori Digitali ideata da Valentina Lorenzi. Un progetto ispirato dall’immaginario dell’anime "Neon Genesis Evangelion" che parla del nostro stratificato e quasi simbiotico rapporto con le tecnologie. Un rapporto che genera immagini e forme di vita che dobbiamo ancora conoscere.
Ingresso libero
LIVE SET H00.00 | SPAZIO EVENTI
ONO SECOND
Ingresso a pagamento*
Nato a Bergamo nel 2021, è un collettivo di DJs e Producers che si propone come contenitore di subculture musicali, creato per incanalare, diffondere e amplificare energie inespresse.

IL PROGRAMMA

DAY 2 - SABATO 1 OTTOBRE
WEB3: IL MONDO DELL'ARTE TRA DECENTRALIZZAZIONE E DIGITAL OWNERSHIP
Talk | H18.00 SPAZIO EVENTI
Un momento divulgativo ad accesso libero per conoscere le tecnologie alla base dei trend dell’ultimo anno collegate al mondo della produzione artistica e non solo. Un’occasione per approfondire, chiarire dubbi o semplicemente avvicinarsi all’argomento.
MEET THE ARTIST: LUCA PAGAN
Talk | H19.00 SPAZIO EVENTI
Prima di assistere alla sua performance serale, uno speciale talk con il sound artist, performer e ricercatore indipendente Luca Pagan. L’occasione per conoscere uno degli artisti più interessanti del panorama odierno e per addentrarsi nella sua ricerca basata sull'auto-progettazione di tecnologie wearable, software e hardware, e sull'uso di biotecnologie utilizzate per catturare l'espressività delle sue performance con particolare attenzione alle tecniche di machine learning.
Ingresso libero
MULTI-NODE SHELL
LUCA PAGAN
Performance | H22.00 SPAZIO EVENTI
Luca Pagan porta in scena “Multi-Node Shell”: un'architettura corporale costituita da sensori indossati su mani e braccia allo scopo di esplorare le possibilità che ha il suono di agire come un linguaggio attraverso la percezione del movimento del corpo.
Ingresso a pagamento*
EXISTENCE
INFRATONAL
Live A/V | H23.00 CINEMA “LO SCHERMO BIANCO”
INFRATONAL, progetto artistico di Louk AMIDOU, artista internazionale e multidisciplinare con sede a Parigi lavora all'intersezione tra arti digitali, musica elettronica e interaction design. Con il suo live A/V “Existence” esploreremo la connessione e il dialogo artistico tra l'uomo e l'algoritmo intelligente, dove la forma d'arte è un'ibridazione di musica, visualità e gestualità. Una riflessione sugli esseri umani, le loro imperfezioni ed emozioni e su come queste possano rimanere una parte necessaria dell'odierna arte digitale guidata dall'intelligenza artificiale.
Ingresso a pagamento*
MUM?
MiDi MOTORI DIGITALI (da un’idea di VALENTINA LORENZI)
Installation | LOGGIA PORTICATA
Nella stessa sera e fino al giorno seguente, nella loggia porticata degli spazi esterni di Daste, sarà visibile “mum?” una nuova installazione audio/video di MiDi Motori Digitali ideata da Valentina Lorenzi. Un progetto ispirato dall’immaginario dell’anime "Neon Genesis Evangelion" che parla del nostro stratificato e quasi simbiotico rapporto con le tecnologie. Un rapporto che genera immagini e forme di vita che dobbiamo ancora conoscere.
Ingresso libero
DJ SET H00.00 | SPAZIO EVENTI
MiDi Sound System - Michael Crank
Ingresso a pagamento*
Michele Sarubbi aka Michael Crank è un dj e produttore italiano, fondatore dell’etichetta lofi house QCK Records. I suoi set sono caratterizzati da una miscela di suono organico ed elettronico, risultato della ricerca nostalgica nei meandri più oscuri della musica elettronica vecchia e nuova, in particolare italiana.
30.09 / 01.10 2022
H22.00

DAY 1 PASS 8€


30 Settembre

• RICCARDO LA FORESTA “Drummophone” (installation + live performance)
• CRISTIAN RIZZUTI in collaborazione con Julián Álvarez “AMNESIA” (installation + live performance)
(a seguire) live set




DAY 2 PASS 8€


1 Ottobre

• LUCA PAGAN “Multi-Node Shell” (performance)
• INFRATONAL “Existence” (live AV)
(a seguire) live set



DAY 1 + 2 PASS 12€

LOCATION
DASTE BERGAMO
via Daste e Spalenga, 13 —24125, Bergamo